Gli artisti che collaborano con The Sign of Jazz

Logo dell'associazione culturale musicale The Sign of Jazz

Quartieri Jazz

Formazioni:
n°6 elementi: chitarra, piano, basso, batteria, violino, fisarmonica (Orkestrine)
n°4 elementi: chitarra, piano, basso, batteria
n°3 elementi: chitarra, basso, chitarra

MARIO ROMANO : CHITARRE CLASSICA E MANOUCHE, COMPOSIZIONI, ARRANGIAMENTI, DIREZIONE;
LUIGI ESPOSITO : PIANOFORTE E COMPOSIZIONI;
CIRO IMPERATO : BASSO FLETLESS E CONTRABBASSO;
EMILIANO BARRELLA : BATTERIA;

"QUARTIERI JAZZ� nasce da un� idea di Mario Romano, chitarrista napoletano dalla tecnica solida che in questo progetto unisce in maniera originale tutti i linguaggi acquisiti nel suo percorso artistico ed umano. Tra le influenze fondamentali, c�� Pino Daniele e tutto il movimento napolitan power di fine anni 70 e degli anni 80, in cui spiccano i nomi di Joe Amoruso, James Senese, Enzo Avitabile, Enzo Gragnaniello ect.. e la musica classica napoletana che con la sua melodia arriva in ogni angolo della terra.

Successivamente approccia lo studio del jazz mediterraneo avvicinandosi alla musica di Pat Metheny e di alcuni dei massimi esponenti di questa corrente come Al di Meola e John McLaughin..con la musica brasiliana attraverso i padri, quali Jobim Toninho Horta e Luis Salinas.

Un ultimo passaggio, che poi si � rivelato la cerniera che ha unito tutti questi stili e queste esperienze in unico e personale linguaggio, � stata la scoperta del gipsy jazz o del jazz manouche, genere musicale che trae la sua origine dall'irripetibile esperienza artistica del chitarrista Django Reinhardt, che ha reso possibile l'unione tra l'antica tradizione musicale zingara del ceppo dei manouches e il jazz americano.

Di fondamentale importanza comunque � stato l�ascolto e l�incontro con i musicisti che hanno praticamente inventato il �jazz napoletano�, quali Antonio Onorato, Marco Zurzolo, Daniele Sepe, Pietro Condorelli, Paolo del Vecchio e Piero De Asmundis, sempre attenti e presenti nella crescita di questo giovane artista, artisti da cui ha potuto apprendere sul campo vivendo accanto a loro giorno per giorno i segreti dell� arte partenopea.