Gli artisti che collaborano con The Sign of Jazz

Logo dell'associazione culturale musicale The Sign of Jazz

Marigliano & Bellopede

ViaggioInDuo


ViaggioInDuo è da diversi anni il principale progetto del pianista napoletano e compositore Mariano Bellopede e del talentuoso flautista Carmine Marigliano con il quale negli anni ha sviluppato un eccellente interplay. Il progetto non è collocabile in un genere preciso: si va da ritmiche sudamericane a melodie mediterranee, da ostinati quasi contemporanei ad aperture quasi pop.

Ma è soprattutto questo a renderlo una dei progetti più interessanti del panorama musicale strumentale campano. I due provengono da studi classici, diplomati con il massimo dei voti e la lode nei rispettivi strumenti, ma con un grosso interesse nei confronti del jazz e più in generale della musica del Novecento. Hanno all’attivo già due dischi e i loro brani inediti sono stati spesso utilizzati come colonne sonore sia per teatro sia per documentari RAI.

Vantano già centinaia di esibizioni live (molte delle quali in importanti rassegne e Festival musicali tra cui Leuciana festival, TeggianoJazz Festival, Cassino Jazz Festival, Benevento Città Spettacolo, PozzuoliJazz Festival, Concerti al Conservatorio, AtinaJazz, POMIGLIANO JAZZ FESTIVAL, RAVELLOFESTIVAL…) e importanti collaborazioni musicali e teatrali (artisti del calibro di Amii Stewart, Peppe Barra, Antonio Lubrano, Augusto Enriquez, Demetrio Muniz dei BuenaVista Social Club, Mariano Rigillo, Remo Girone, Bruno Garofalo, Adriano Pennino,…) .

Hanno avuto ottime recensioni su riviste musicali e quotidiani nazionali, sia relative a concerti che ai loro due dischi.
"Bellopede e Marigliano concepiscono il fare musica come "un movimento, un vero viaggio, il vedere/conoscere qualcosa che produce un suono prima inatteso"....Federico Vacalebre da il Mattino del 24/02/2012.


Marigliano & Bellopede Quartet


Recentemente il progetto si è allargato ad collaborazioni con altri musicisti. Soprattutto Davide Esposito alla batteria e Alessandro Anzalone al basso elettrico.
In questo modo la sonorità è più vicina ad una "fusion partenopea", con richiami al Napolitan Sound e non solo.

Primo importante passo di questa collaborazione è stata la registrazione del brano "Fuoco a mare" scritto per Città della Scienza e del relativo video girato tra le macerie di Bagnoli.
Sul brano e sul relativo video c'è stata un'immediata attenzione da parte di pubblico e dei media (da segnalare Intervista al TGR Campania, pubblicazione su quotidiani online tra cui IlMattino.it e Corriere.tv).